venerdì 19 gennaio 2018

Dipingere a rilievo con colla vinilica e schiuma da barba

Pasticciare, disegnare, colorare o ritagliare è sempre stata una regola d'oro per entrambi i miei bimbi. Sin da piccoli li facevo divertire con qualsiasi materiale e spesso, adesso che sono più grandicelli (7 e 5 anni), li trovo che ritagliano incollano e si costruiscono qualche gioco nuovo. Troppo forti!
Avete mai provato a dipingere con la colla vinilica? A loro piace molto perchè da un effetto gommato al colore che resta in rilievo per sempre. In commercio ci sono tanti di questi colori a rilievo, ma costano un sacco e in mano a loro vivrebbero giusto il tempo di  un dipinto. Così un giorno esperimento: colla vinilica, schiuma da barba e brillantini.


Il procedimento è molto semplice, in un piattino o meglio ancora una ciotolina, versate della colla vinilica. Io ho usato circa 2 cucchiai da tavola. Schiuma da barba e per questa regolatevi a occhio. Deve avere pari quantità della colla. A piacere brillantini o tempere colorate. Nel mio caso, essendo il mio soggetto un pupazzo di neve non ho messo colore ma solo brillantini bianco boreale. Si mescola il tutto con una palettina di legno tipo lo stecchino del ghiacciolo. Quando lo fate non siate troppo energiche. Come quando incorporate il bianco dell'uovo in una crema per intenderci. Una volta unita la colla alla schiuma...buon divertimento!!! I bambini potranno realizzare con l'aiuto di un pennello un bellissimo quadretto in rilievo. 



Io ho utilizzato un cartoncino di carta pressata, come quello che usano i corniciai. Ma ho provato anche su legno compensato e tela da dipingere ed è perfetto. Il cartoncino da scatolone non va bene perchè si bagna, ma se avete scatoloni di pannolini quelli resistono.
Il tutto dovrà asciugare naturalmente su una superficie piana per qualche giorno. Abbiate tanta pazienza in questa fase. Magari fatevi aiutare da un calorifero ma non delle stanze da letto! colla e schiuma non sono il massimo da inalare! Il risultato al tatto è molto carino e non varia con l'asciugatura.
Preparate un angolino di parete che ne vedrete delle belle.!
Al prossimo "pasticcio"!


giovedì 7 settembre 2017

Ginevrini, i bottoncini di zucchero!


Alla fine li ho cucinati! i Ginevrini o come li chiamo io zuccherini colorati. 
Questo è un dolcetto che mi ricorda Santa Lucia. Quando ero piccola c'erano le bancarelle di caramelle a profumare le strade di zucchero e ricordi. Ora ci sono i centri commerciali che un pochino han smontato questa magia che le piccole cose sapevano dare.
I Ginevrini sono caramelle fatte solo di acqua e zucchero, più semplici di così. E' vero, per i dentini sono poco amici ma per le feste averne un barattolo di vetro pieno di tanti colori sono davvero carini.
Io li ho provati al gusto arancia e questi al gusto anice, che tra l'altro sono anche digestivi e contro l'acidità di stomaco.
La ricetta è veramente veloce, è l'attesa che si asciughino che è lunga. Ma andiamo con ordine. 

Per un barattolo in vetro da 125 ml ho utilizzato:
. zucchero 100gr
. acqua 10 gr
. coloranti alimentari
. essenze alimentari
Innanzitutto ho preparato su un ripiano un bel pezzo di foglio di carta forno.
In un pentolino antiaderente ho messo lo zucchero, l'acqua, essenza di anice e colorante blu. mescolato bene il tutto e ho acceso il fuoco a fiamma bassa. 
Ho mescolato per un minuto scarso, giusto il tempo di far sciogliere parzialmente lo zucchero.
Togliamo dal fuoco e con un cucchiaio versiamo tante piccole gocce sulla carta forno che abbiamo preparato prima. Bisogna essere abbastanza rapidi perchè lo zucchero si cristallizza velocemente.

Lasciamo asciugare per un giorno e se possibile anche due perchè l'acqua si asciughi completamente.
A questo punto possiamo realizzare dei bei sacchettini come presentino ad un festa o un bel barattolo colorato da tenere a portata di mano per i piccoli ospiti.

sabato 2 settembre 2017

Si ritorna a scuola! 10% di sconto su Stickerkid!!

Ciao a tutte! a chi è ancora in vacanza, a chi è tornato e a chi non è mai partito ... avete passato bene l'estate? noi al mare alla ricerca di conchiglie speciali e ne abbiamo trovate davvero di belle.
Ma lunedì si ricomincia con l'asilo, le vacanze per noi sono finite e siamo belli pronti per ricominciare. E voi site pronti? avete preparato corredini asilo o scuola? Oggi torno a parlarvi di Stickerkid, un'azienda che produce etichette per i vostri bambini. Da quelle piccolissime perfette da attaccare ad ogni singola matita a quelle un po' più grandine per quaderni e quant'altro. In questo post mi soffermerò su quelle termoadesive. Non si presentano come le solite etichette che sono in nylon e hanno un certo spessore, queste sembrano etichette di carta/tessuto. Le attacchi dove vuoi, ci appoggi sopra un foglio di carta forno e le stiri col ferro bello caldo. 

 Ed ecco il risultato! diventano delle sottili pellicole super resistenti. Ecco perchè mi piacciono. Le altre hanno i bordini spessi, spigolosi e creano irritazioni, queste hanno i bordini arrotondati e sono così sottili da non sentirle.

Come tutte le etichette potete personalizzarle a vostro gusto e ne trovate di due tipi quelle in bianco e nero (come la nostra) è rimovibile. Se volete regalare l'indumento o passarlo al fratellino basterà rifare la procedura che ho descritto sopra e staccare delicatamente.
Quelle a colori invece sono permanenti.

 

 In occasione dell'inizio della scuola grazie alla Girandolina, effettuate un acquisto e otterrete, inserendo il codice GIRANDOLINA, il 10% di sconto. Cliccate su banner a lato del blog o in qualsiasi immagine all'interno di questo post per accedere direttamente al sito.
Vi ricordo che le etichette Stickerkid sono super resistenti anche alla lavastoviglie e persino allo sterilizzatore. Spero di avervi convinto. Buona navigazione su Stickerkid e a presto con un nuovo post bimbi!!!





domenica 16 luglio 2017

Pasta modellabile con farina per la pasta #2


Buona domenica a tutte!!! oggi qua è la giornata perfetta, sole splendente e aria fresca e abbondante, sembra proprio di stare in vacanza al mare.
Stamattina, come promesso ai miei bimbi, gli ho preparato il didò, ma ho voluto sperimentare l'utilizzo della farina per fare la pasta. Ne avevo un po' che mi era avanzata, quella di grano duro per intenderci. 
Così testando le grammature mi è riuscito un bell'impasto che vi passo subito.
Ricordo che essendo una pasta modellabile naturale va trattata come tale, quindi è poco resistente nel tempo.
Ma  andiamo con la ricettina:

INGREDIENTI
- 60gr di farina per la pasta
- un cucchiaio raso di sale fino
- un cucchiaio raso di olio di semi
- 60 gr di acqua
- colorante alimentare in polvere
- aromi alimentari

ps: se usate il colorante liquido diminuite la quantità di acqua.

Andiamo a mettere tutti gli ingredienti in un pentolino. Io alla pasta verde ho aggiunto un piccolo battuto di 2 foglie di basilico per dare profumo. 
 Accendiamo il fuoco e tenendolo al minimo mescoliamo tutti gli ingredienti eliminando ogni grumo.
L'effetto è come una polenta di semolino, mescoliamo bene fino a che si formano i classici grumi di quando si fa il didò e fino a che la "palletta" che si forma risulta abbastanza asciutta. Ci vuole un po' più di tempo rispetto alla ricetta classica perchè la farina per la pasta resta più bagnata. 
 Bisognerà quindi farla asciugare bene ma non seccarla. Come sempre poi si mette l'impasto su un tagliere e con l'aiuto di un paio di guanti impastiamo bene amalgamando il tutto e mettendo la nostra pasta modellabile in un barattolo o sacchetto ermetico.
Come vedete sembra una polentina ma con il risultato di una pasta modellabile. Per questi colori belli accesi ho usato un intera bustina di colorante per panetto. 
Per tonalità più delicate diminuite la dose di colorante. Se utilizzate quelli liquidi o in gel il risultato resterà più delicato.
Per intrattenere i bambini è sempre un gioco perfetto. 
Buon divertimento e buona domenica!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...