domenica 24 febbraio 2013

Cornice realizzata col tappeto puzzle!



Ed eccomi nuovamente a riutilizzare in modo diverso, i pezzi del tappeto puzzle. Ricordo che sto usando un tipo di tappeto che ha i pezzi piccoli, altrimenti con questo progetto se utilizzavo quelli grandi mi diventava un Grande progetto. Ho realizzato una cornice per fotografie super allegra!

Cosa serve:
pezzi di tappeto puzzle (io ne ho usati 4)
cartone (ho usato quello dello scatolone dei pannolini)
forbici, taglierino, matita
nastro biadesivo
cordino (per realizzare il gancino da appendere)
scotch

Come si fa:
Ritagliate con l'aiuto del taglierino, la parte centrale del pezzo, creando quindi la sagoma di una cornicetta. Non fate il bordo troppo sottile o non riusciremo ad attaccare il fondo. Con l'aiuto delle forbici smussiamo le imperfezioni date dalla taglierina.


 Ora attacchiamo delle striscioline di nastro biadesivo sul retro. Fate attenzione a non tenerle troppo vicine al bordo interno o la fotografia non scorrerà. Attaccatelo solo su 3 lati.


Ritagliate un quadrato di cartone che sia poco più largo dell'area interna della cornice. Ora attaccatelo al pezzo del puzzle.


 La cornice è ormai pronta. Dovrete solo sceglire la forma da dargli e attaccare sul retro un nastrino per poterla appendere. Io l'ho attaccata con lo scotch per questa fotografia. Perchè io e martello non siamo amici. diciamo che se devo attaccare un quadro rischio di abbattere la casa. Mi vengono fuori dei crateri!
Fa niente, ci pensa papino. Che ve ne pare come recupero  del "simpatico" tappeto puzzle? A me piace un sacco! fa tanto allegria, tutto colorato!!!


Poi in mezzo a tutti quei colori nella cameretta ci sta davvero bene! Prossimo progetto: cornice da tavolo!.



martedì 19 febbraio 2013

Coloriamo con colla e tempere!

Oggi tecnica di pittura. Coloriamo con colla vinilica e tempere. L'idea mi è venuta guardando un quadro che avevo fatto tempo fa. Avendo da parte una tavoletta da 20 cm x 20 in compensato, ho pensato di farla decorare a Nicola.


Realizzarla è molto facile. Ma prima assolutamente riparate per bene il piano di lavoro e se non avete un grembiulino sfruttate una vostra vecchia maglietta. Non dico che troverete colla sul soffitto ma . . . prevenire è meglio che curare!!!!

Cosa serve:
tavoletta in legno o compensato
colla vinilica
tempere
un coltellino in plastica
piattino di plastica
gancino per quadro o cordino.

Come si fa:
Innanzitutto in un piattino mettiamo mucchietti di colla vinilica con un goccino di tempera. Nicola ha scelto questi tre colori, voi usate quelli che preferite.
Con il coltellino, prendete delle quantità di colla e colore e . . .


. . . come se fosse una piccola spatola, spalmate il tutto sulla tavoletta.


Mio figlio si divertiva un sacco a spalmare, faceva prima tanti cerchi, poi tante righe. Il colore inizialmente vi sembrerà molto chiaro, non aggiungete tempera per scurire, è solo un effetto. La colla è bianca, quindi schiarisce i colori. una volta asciutto li vedrete belli brillanti.


Nicola durante il lavoretto è corso in camera ad indicarmi la mia scatola del decoupage.
Voleva i brillantini. E va beh se insisti. Ho preso il rosso e il bronzo. Si intonavano con i colori. Tutto bello fiero stava per rovesciare l'intero barattolo sulla sua opera! fermato in tempo.
Ed eccolo mentre sparge brillantini.


Questo è il risultato finale da bagnato. Voi dovrete poi spalmare un po di colla colorata sui bordi per rifinire bene il tutto e lasciare asciugare molto bene.


E questo è il risultato finale da asciutto. Come vedete i colori si scuriscono e brillano. Tranquille, non sa di colla una volta asciugato. Ora dovete soltanto attaccare un gancino e appenderlo al muro.


Divertente! un po' sporchevole lo ammetto, ma quanto va fiero del suo quadretto!!!

domenica 10 febbraio 2013

Ciondoli in legno

Ciao a tutte! oggi per restare in tema su come conservare nel tempo le opere dei nostri bimbi, abbiamo realizzato gioielli. Qualche mese fa avevo fatto tagliare delle sagome in legno a mio marito. Un legno di recupero, quindi questo progetto è praticamente costo zero! Inizialmente dovevo utilizzarle io al decoupage . . . e l'ho anche fatto, ma avevo ancora delle sagome abbandonate, così l'idea di darle a Nicola come lavoretto. Si è divertito come sempre un sacco, ma sopratutto è rimasto molto contento del risultato finale.


Cosa serve:
Sagome in legno di qualsiasi forma
Base per decoupage o tempera bianca
Carta vetrata
Colori acrilici
Vernice per decoupage
Brillantini
Pennelli per dipingere
Nasti, perline, filo di nylon e qualsiasi cosa vogliate abbinare al ciondolo.

Come si fa:
Innanzitutto con la carta vetrata eliminiamo le eventuali imperfezioni del legno. Poi lo imbianchiamo per bene e lasciamo asciugare. Lisciamo nuovamente con carta vetrata molto fine. Ed ora lasciamo divertire gli artisti!!


Prepariamo colori e pennelli in un piattino di plastica e lasciamo che riempiano i legnetti come preferiscono! Dopodichè lasciamoli asciugare. Se avrete usato colori acrilici non ci vorrà molto, con la tempera invece  un'oretta . . . se vi fare aiutare dai caloriferi intanto che sono ancora accesi, una decina di minuti basteranno.




Ora mettiamo in un piattino di plastica, la quantità di un cucchiaino circa di vernice e un pochino di brillantini del colore che avrete scelto, mescolate. Se li volete belli brillanti aggiungetene ancora, ma non esagerate, altrimenti la vernice diventerà delicata. Lasciate ora che il bambino decori il suo ciondolo come vuole. Lasciateli poi asciugare molto bene. Attenzione, dovete verniciare un lato alla volta. Se il bimbo non ha voglia di aspettare, sfruttate amico Phon;-p


Ora tocca a voi grandi! nastrini, cordini, perline, catenelle . . . scegliete quello che più vi piace e rifinite i vostri gioielli unici e originalissimi!!! Questi sono i nostri. Il cuore me lo tengo io! troppo bello!!!


Ciondolo con nastro in raso

Ciondolo trasformato in porta chiavi

Ciondolo a cuore con collanina di perline

Che fatica farvi vedere bene l'effetto dei brillantini!
Credo che di gioiellini con materiali di recupero ne faremo ancora. Fa niente se ho solo figli maschi. Si divertono comunque. Manualità, colori, recupero di materiali . . . tutto molto importante e divertente per loro!
 A presto! 








mercoledì 6 febbraio 2013

Tecnica di pittura: Tempera e schiuma da barba

Quante volte abbiamo visto i nostri bimbi o bimbe adoranti, mentre guardano il loro papà farsi la barba?
Magari il loro papà sarà anche bello e affascinante, ma il vero oggetto del desiderio è quella morbidissima cosa profumata che si spalmano sulla faccia. Aspetto che si distrae e prendo il barattolo così ci gioco anche io. Si perchè in effetti vedere un "grande" che si riempie la faccia di panna montata profumata, ai loro occhi arriva come un gioco. Così quando ho messo la schiuma da barba di mio marito su un piattino di plastica, Nicola è rimasto estasiato. L'ha annusata per benino e con le stelle negli occhi ha infilato il ditino nella "panna azzurra"!. Così oggi tecnica di colore con tempera e schiuma da barba.

Cosa serve:
Foglio o cartoncino bianco abbastanza grande;
Schiuma da barba;
Tempere di vari colori

Come si fa
Mettete poca schiuma su un foglio di carta e lasciate che il bambino inizi a giocarci scoprendo la consistenza e scivolosità della schiuma. Poi qua e la aggiungete goccine di tempera e lasciate che il bambino ci scorra su con le dita, mescolando così la schiuma alla tempera. Creerà delle bellissime sfumature profumate!
Io avendo poca schiuma da barba ne ho messa un pochino in un piattino e lui pian piano col dito imbrattava il foglio. Il risultato è lo stesso ma un po' meno divertente. Vi consiglio di comprare una schiuma economica e magari non mentolata.



Primo approccio con schiuma e colore: " . . .  secondo me la mamma è impazzita . . . "

" . . . va beh, contenta lei, diamoci dentro!"

Qua aveva capito com'era divertente spargere schiuma colorata.


" . . .  evviva! sono autorizzato a sporcarmi!"

Ed ecco mostrare fiero le sue mani sporche e col consenso della mamma!


Ed ecco il risultato finale. Un bel disegno dai colori accesi!






lunedì 4 febbraio 2013

Orologio dell'Artista!


Ed ecco qua un'altro modo per utilizzare i disegni dei nostri bimbi. Commentando un post di Clara di 
"Diario di una Creamamma" dove chiedeva come potevamo utilizzare, in maniera diversa, le opere dei nostri bimbi, ecco l'idea!
L'orologio in cucina aveva bisogno di andare in pensione, poverello, era il primo orologio di quando siam venuti a vivere qua. Ho guardato nei vari negozi ma quelli che mi piacevano costavano troppo. 
Così l'idea di smontare quello che avevo (modello di ikea a suo tempo ad 1,50 euro).
Smontato, tolto il foglio stampato (che non so perchè si sbriciolava) lavato bene e . . . vai Nicola!
Cartoncino, tempere, su le maniche e ha fatto 3 bellissimi disegni. Non sapevo quale scegliere. Alla fine ho usato il meno bello e appeso sulla porta del frigorifero il mio preferito.
Ho lasciato asciugare il disegno e ritagliato il disco da inserire nell'orologio. Poi con un po' di pazienza ho fatto le tacchette delle ore nei punti esatti e con un pennarello disegnato i numeri. Con qualche pezzetto di nastro biadesivo ho riattaccato il disco all'orologio e rimontato tutto.
Inutile dire che "l'artista" ne va parecchio orgoglioso e continua a guardarlo. Ora abbiamo finalmente l'orologio della cucina che volevo . . . e non ho pagato nulla!





sabato 2 febbraio 2013

vecchio tappeto puzzle = timbri da disegno!

Quanto sono belli i tappeti puzzle? sono coloratissimi, allegri utili. Proteggono dagli urti, dal freddo dei pavimenti e si lavano con un spugna.
Quanto sono antipatici i tappeti puzzle? eh si, finche il bambino ci si rotola sopra senza capirne l.effettivo uso tutto bene ma poi . . . pezzi di puzzle in ogni angolo di casa, numeri, lettere . . . se poi sono come quelli qua sotto, piccoli e con gli animali, la ricerca dei pezzi è ancor più lunga. Così una mia amica me li dati e io ne sto facendo buon riciclo.
Il primo progetto, trasforma puzzle, è renderli dei timbrini. 


 Cosa serve:
Tappeto puzzle
Tappi di bottiglia
Pennarello
Colla a caldo
Forbici, taglierino.

Come si fa:
Disegnate innanzi tutto una sagoma sul pezzo di puzzle. Un cerchio, un fiore, un quadrato. Con l'aiuto di taglierino e forbici ritagliate la sagoma.
Incollate con un goccio di colla a caldo, il tappo della bottiglia, su uno dei due lati. Io ho preferito fargli vedere sia l'effetto liscio che il lavorato. E ora, fogli, tempere e buon divertimento bimbi!






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...